Stampare con la massima risoluzione possibile just in time e senza sprechi di colore? Se la tecnologia è System si può. Presente in 26 paesi al mondo con 1.400 dipendenti, il Gruppo System (www.system-group.it) continua il proprio successo grazie a nuovi prodotti particolarmente “indovinati” e attualmente molto richiesti dal mercato core business, quello ceramico. Parliamo ad esempio della stampante digitale Creadigit, ormai sinonimo di 400 DPI per 40 mt al minuto, che ha il notevole plus di avere componenti elettroniche sviluppate in house.

La business unit System Electronics ha sviluppato un DSP interno alla macchina che dialoga con il RIP e gestisce le immagini per permettere al grafico di lavorare su un CANVAS di 200 mq di superficie. Il processo di caratterizzazione di Creadigit può così contare sull’elettronica più avanzata per comunicare alle testine i comandi per gli ugelli, tenendo il passo di 40 mt al minuto. È una delle macchine più complesse mai progettate dal gruppo System.

«Su questa macchina, che abbiamo chiamato Creadigit, è stato integrato Ethercat per la generazione di fasi virtuali, poiché la precisione doveva essere elevatissima» racconta Alessandro Benassi, manager di System Electronics. «Si pensi che è dotata di varie barre di stampa, una per colore, fino a otto colori, che possono distare fino a 1 metro l’una dall’altra. I vari colori vengono “stesi” in tempi diversi e i disegni devono poi combaciare con precisione fotografica».

La novità sta nel BUS di campo, unico conduttore che si collega ad altissima velocità alle decine di migliaia di ugelli delle testine di stampa ritraducendo i dati seriali in parallelo. La massima precisione – per ogni punto per tutti i colori, che possono essere fino a 8 – è assicurata dalla personalizzazione testina per testina dell’impulso di sparo. L’elevatissima precisione dei ventimila spari al secondo su 32 testine per ogni colore è il risultato della gestione ottimale di circa 600.000.000 di dati al secondo che solo DSP di System Electronics può garantire. Elettronica performante significa non solo precisione, ma anche nitidezza e risparmio perché il sistema evoluto di Creadigit consente di mantenere le stesse identiche prestazioni anche aumentando la velocità senza che prestazione e risoluzione ne risentano.

Per tenere il passo con questa innovazione in termini di velocità è stato realizzato il sistema Multigecko, in grado di smistare e impilare piastrelle di diverso formato: «questa macchina è in grado di trattare qualunque tipo di lastra ceramica sia necessario impilare, di qualunque dimensione. A valle di questo processo poi vi è la 4Phases, un sistema in grado di confezionare le pile di piastrelle provenienti dal sistema Multigecko» spiega Mario Casali,software engineering manager. Si tratta di una linea interamente green in quanto non fa sfrido: il foglio di cartone piano viene tagliato, piegato, stampato con il logo dell’azienda o di più aziende, e le pile di piastrelle vengono impacchettate a seconda dei formati e delle quantità desiderate. In questo modo, si elimina anche il magazzino dei cartoni abbattendo i costi di stoccaggio connessi. È stato infine rinnovato il pallettizzatore, in quanto ciò che sta a valle deve essere adeguato a ciò che sta a monte. «Così è nato Griffon, in grado di ottimizzare la pallettizzazione a favore dello spazio, occupando al meglio il pallet con pacchi orizzontali e verticali». Le soluzioni ottimali alle richieste del mercato attuale in cui velocità e precisione corrispondono a maggiore efficienza e minore scarto.